↑ Torna a Privato: Donazione

Perché donare?

Donare il sangue è un gesto di solidarietà… significa dire con i fatti che la vita di chi sta soffrendo mi preoccupa.

Il sangue umano è un prodotto naturale, non riproducibile artificialmente e indispensabile alla vita. Donare il sangue è un atto volontario e gratuito, è un dovere civico, è una manifestazione concreta di solidarietà verso gli altri, esalta il valore della vita, abbatte le barriere di razza, religione o ideologia e rappresenta uno dei pochi momenti di vera medicina preventiva.

È un atto di estrema generosità che permette di salvare la vita di altre persone. Proprio il fatto che il sangue sia raro implica la necessità di metterlo a disposizione di altri individui che potrebbero trovarsi in situazione di bisogno. Pensa di essere tu al loro posto.

Il sangue non è riproducibile in laboratorio ma è indispensabile alla vita: indispensabile nei servizi di primo soccorso, in chirurgia nella cura di alcune malattie tra le quali quelle oncologiche e nei trapianti. Tutti domani potremmo avere bisogno di sangue per qualche motivo. Anche tu.

 

cuore avisLa disponibilità di sangue è un patrimonio collettivo di solidarietà da cui ognuno può attingere nei momenti di necessità.

Le donazioni di donatori periodici, volontari, anonimi, non retribuiti e consapevoli rappresentano una garanzia per la salute di chi riceve e di chi dona.

Di fronte alla necessità di reperire sangue, donare significa scegliere non la strada dei convegni e delle parole, ma il dono di una parte di sè, l’azione immediata.

Per questo la donazione di sangue costituisce un gesto ad alto valore umanitario.

La solidarietà espressa deve essere sostenuta da due fondamentali criteri:

1. il completo benessere del donatore: il donatore di sangue deve essere in buone condizioni psicofisiche al momento della donazione e la donazione di sangue non deve essere dannosa per la salute

2. la tutela dei malati trasfusi: esistono malattie che possono essere trasmesse attraverso il sangue e i suoi prodotti; se il malato trasfuso, già debilitato per la patologia di cui soffre, venisse contagiato da queste malattie subirebbe un ulteriore aggravamento delle sue condizioni di salute.

Data ultimo aggiornamento: 27 Novembre 2014